venerdì 19 agosto 2011

BANNER: BRUNO EDITORE

BRUNO EDITORE













BRUNO EDITORE

BANNER: BRUNO EDITORE: BRUNO EDITORE . Cerca Ebook e premi invio: <p><br /> </p> . . ...

.

martedì 16 agosto 2011

CAPIRE LE RIVOLTE ARABE , Alle origini del fenomeno rivoluzionario




CAPIRE LE RIVOLTE ARABE
Alle origini del fenomeno rivoluzionario




CAPIRE LE RIVOLTE ARABE
Alle origini del fenomeno rivoluzionario
Pietro Longo, Daniele Scalea
Cartografie di Lorenzo Giovannini
IsAG, avataréditions, Dublin 2011
€ 18,00, 168 pp., varie immagini e carte


Quarta di copertina:
 
Il 2011 sarà forse ricordato dai posteri come l'anno delle “rivolte arabe”: Tunisia, Egitto, Yemen, Bahrain, Libia e l'elenco è probabilmente destinato ad allungarsi. Il fuoco della ribellione infiamma il Mediterraneo e il Vicino Oriente. A pochi passi da casa nostra si sta facendo la storia.
Ma sappiamo davvero perché queste rivolte stiano scoppiando? Conosciamo veramente i nostri vicini arabi, le loro aspirazioni e gl'ideali che li animano? Ci rendiamo conto di quale potrebbe essere il volto del mondo quando l'ondata della rivolta avrà finito d'abbattersi sulla regione?
In questo libro si cerca di fare chiarezza, in una veste agile e sintetica, ma discostandosi dalle semplificazioni giornalistiche e dai proclami romantici per concentrarsi invece sulle dinamiche politiche, economiche e strategiche in atto.

Sommario:


PARTE I: IL MEDITERRANEO, IL VICINO ORIENTE, E IL MONDO
Capitolo 1: Riscoprire il Mediterraneo
Capitolo 2: Un teatro strategico di primo piano
Capitolo 3: L'ombra dell'egemone
Capitolo 4: Il quadro socio-economico

PARTE II: IDEOLOGIE E MOVIMENTI NEL MONDO ARABO
Capitolo 5: Le origini del nazionalismo arabo
Capitolo 6: Nazioni e nazionalismo nel Maghreb
Capitolo 7: Nazioni e nazionalismo nel Mashreq
Capitolo 8: Nazioni e nazionalismo nel Golfo
Capitolo 9: L'Islam tra fede e politica
Capitolo 10: La Fratellanza Musulmana in Egitto

PARTE III: CONCLUSIONI: LE CAUSE DELLE RIVOLTE ARABE E GLI SCENARI FUTURI
Capitolo 11: Alle origini delle rivolte
Capitolo 12: Gli scenari futuri
 http://rivoltearabe.blogspot.com/p/il-libro.html


.
.

.

lunedì 8 agosto 2011

BANNER: Vuoi Creare eBook o Infoprodotti da Vendere Online...

Vuoi Creare eBook o Infoprodotti da Vendere Online?

Ora Disponibilie la 1° e unica Guida Seria ed Affidabile che ti permetterà di Scoprire le Vere Strategie (quelle che funzionano)
per creare eBook e Infoprodotti con cui Guadagnare Soldi Online.


klikka sull' immagine qui sotto

.


.

BANNER: Vuoi Creare eBook o Infoprodotti da Vendere Online...: ". . Vuoi Creare eBook o Infoprodotti da Vendere Online? Ora Disponibilie la 1° e unica Guida Seria ed Affidabile che ti..."

..
.

.

venerdì 5 agosto 2011

ebook , Romanzi, saggi, manuali da scaricare da internet completamente gratis



.
.

ebook 
Romanzi
saggi
manuali
da scaricare da internet 
completamente gratis




ebook , Romanzi, saggi, manuali
da scaricare da internet completamente gratis.

Abbiamo selezionato dal web alcune risorse che vi permetteranno di scaricare gratuitamente libri, manuali, riviste, romanzi e molto altro.
E che potrete consultare e leggere sul vostro PC, sul vostro tablet o sul telefonino.

Biblioteca della Letteratura Italiana con migliaia di pagine dei più famosi romanzi della letteratura italiana da consultare gratuitamente. Con biografie. Navigazione e usabilità ottime.

Opere italiane si trovano sul sito creato e curato da Silvia Masaracchio. Con le varie opere divise per genere, periodo storico, sottogenere. Non moltissimi i titoli, ma navigazione e usabilità ottime.

Biblioteca Mondiale con migliaia di ebook di opere classiche e contemporanee, molte in italiano.

Libri di testo, manuali e altri testi educativi a contenuto aperto e consultabili on-line. Qualcuno può essere scaricato.

Migliaia di manuali in formato elettronico, consultabili gratuitamente. Si rivolge soprattutto ad utenti curiosi di apprendere, a studenti, a semplici appassionati di Informatica ed Internet alla ricerca di novità.

Casa editrice virtuale italiana. Sul sito troverete centinaia di e-book gratuiti, recensioni, notizie, racconti e molto altro.


-

.
GUARDA 


GIRANO LE IDEE

.
FAI VOLARE LA FANTASIA
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO
IL TUO FUTURO E' ADESSO . 

.

.

trasformare i bambini in lettori



trasformare i bambini in lettori

Giochiamo con un libro

Il racconto di un'esperienza di "animazione del libro", un percorso divertente per trasformare i bambini in lettori. Funziona? Sì, a patto che i genitori...

PERCHÉ SI LEGGE SEMPRE DI MENO?

La prima cosa che faccio quando comincio un nuovo laboratorio di "animazione del libro" è quella di disegnare alla lavagna dieci omini stilizzati e poi di chiedere ai bambini: -Sapete quante di queste dieci persone, tutte adulte, l'anno scorso non hanno letto neanche un libro? Dopo tre o quattro tentativi qualcuno indovina la risposta: sei persone. Prendo il gesso e cancello altrettanti omini. A questo punto cominciamo a riflettere insieme su questo dato e i bambini, che non sono stupidi, avvertono subito tutta la gravità della situazione: sei su dieci significa comunque più della metà e la cosa sembra a loro, e anche a me, piuttosto preoccupante.
Se a quel punto facessi qualche domanda indiscreta scoprirei molto probabilmente che diversi dei loro genitori rientrano appunto in quel 60% di adulti che non hanno tra i loro passatempi quello della lettura, o almeno della lettura di libri, ma questo sarebbe pericoloso e così scelgo un'altra strada, un po' più indiretta:
-Sapete perché queste persone hanno smesso di leggere?
Qui le ipotesi si sprecano e sono tra le più fantasiose, c'è anche qualcuno che tira in ballo questioni economiche ("i libri costano troppo") o di bruciore agli occhi, ma per il resto mi parlano di mancanza di tempo, di mancanza di voglia, della preferenza per la televisione, della stanchezza, ecc.

UNA "MALATTIA" CHE SI PRENDE DA PICCOLISSIMI

-Tutte cose vere e sacrosante- dico loro quando l'elenco si è esaurito -ma ce n'è una che non avete detto. Sapete qual è?
A questo punto basta un silenzio leggermente più lungo per creare la giusta suspense e finalmente sparo la mia bordata: -Tutte queste persone non leggono più da grandi perché nessuno ha letto loro le storie quando erano piccoli!
Qualcuno non ci crede, qualcuno protesta dicendo che a lui le storie gliele leggono tutte le sere ma che non gli piace leggere lo stesso, qualcuno tace pensieroso o chiede spiegazioni. E allora eccole le spiegazioni (ad uso degli adulti): la lettura è una malattia contagiosa e può trasmettere il contagio solo chi è "ammalato". È semplice, è quasi banale e lo capiscono meglio i bambini degli adulti, i quali credono che basti dire a un figlio "leggi!" senza che il figlio stesso li abbia mai visti con un libro in mano. Come si può far amare ciò che non si ama? E del resto non vale lo stesso principio se si vuole trasmettere la passione per la pallacanestro, la pesca sportiva o il canto lirico? Leggete molto e i vostri figli leggeranno molto.
Ai bambini, però, non dò mai troppe spiegazioni, chiedo semplicemente se hanno voglia di ascoltare una bella storia e una volta ricevuto l'immancabile consenso (a chi non piace ascoltare una bella storia?) comincio a leggere a voce alta, come si faceva una volta.

IL LABORATORIO DI "ANIMAZIONE DEL LIBRO"

Parte da queste semplici considerazioni l'idea dell' "animazione del libro" o, come qualcuno la chiama, "animazione della (alla) lettura", cioè di un insieme di attività che riavvicinino i bambini e i ragazzi al libro e al piacere di leggere in generale. Prima si comincia e meglio è ed è per questo che, nella maggior parte dei casi, ci si rivolge ai bambini delle materne e delle elementari, ma l'attività è vivamente raccomandata anche alle medie e alle medie superiori, dove non mancano esperienze simili.

Cercherò dunque di spiegare brevemente che cosa succede, a scuola o in una biblioteca, durante un laboratorio di animazione del libro.
Della prima attività ho già detto: leggiamo ad alta voce.
Si potrebbe scrivere un trattato in proposito, qualcuno lo ha anche scritto; qui basti ribadire che questa è la chiave di volta del problema lettura: bisogna abituare o ri-abituare pazientemente i piccoli e anche i più grandi all'arte dell'ascolto, ad apprezzare la lettura ad alta voce che "ha caratteristiche benefiche per i bambini sia sul piano dell'intelligenza sia su quello dell'emotività" come ci conferma Anna Oliverio Ferraris, psicologa dell'età evolutiva particolarmente attenta al problema.
È talmente vero questo che qualcosa del genere è stato tentato in una clinica di Boston nella quale, oltre a diverse iniziative a sostegno della lettura, al pediatra è permesso prescrivere ai genitori tot minuti di lettura al giorno per tot giorni, prima che il bambino vada a letto.
Certo deve trattarsi di un modo di leggere accattivante e coinvolgente, niente a che vedere con il modo meccanico e mortificante con cui troppo spesso si legge a scuola.
E tuttavia anche su questo fronte qualcosa sembra cambiare se è vero, come risulta da una recente indagine Doxa (giugno '97) eseguita su un campione di 106 insegnanti di area linguistica della scuola dell'obbligo, che l'86,3% di questi legge personalmente agli alunni libri di narrativa.
Una volta goduto appieno di ciò che si è letto solitamente giochiamo col testo.
Attenzione però, si tratta di giochi orali, talvolta anche corporei, in continuità con un'attività squisitamente orale come quella dell'ascolto. Forse che noi adulti dopo la visione di un bel film ne facciamo il riassunto? o ne stendiamo una breve relazione specificando "che cosa ci ha colpito di più"? Ne parliamo tranquillamente con gli amici, dividiamo con loro le emozioni, riviviamo le scene salienti, magari le recitiamo anche un po'. Così piace fare anche ai bambini, parlando dei personaggi, manipolando le situazioni del libro, inventando delle varianti e così via.

UN LIBRO DA MONTARE E RIMONTARE

E da ultimo ci dedichiamo ad una attività che li gratifica sempre molto: costruiamo insieme dei libri.
Sull'esempio di quelli letti oppure no, ma con lo scopo principale di "smontare il giocattolo" per poi rimontarlo. Così i bambini scoprono che coi libri si può giocare fisicamente, si impadroniscono dei loro segreti, imparano alcuni trucchi legati all'uso dei materiali e delle forme, delle parole e delle immagini e quando riprendono un libro in mano lo guardano con occhi diversi, più profondi e consapevoli.
È inutile dire che i libri che costruiamo servono per essere letti a voce alta!

Quando ci salutiamo, dopo tre, cinque, sei incontri, un piccolo seme è stato gettato.
Germoglierà? Sì, ma ad una sola condizione: che il gioco continui in famiglia, che la familiarità coi libri sia coltivata pazientemente anche dai genitori.

VENTI MINUTI DI LETTURA PRIMA DI DORMIRE

Ecco dunque -in aggiunta a quello che farà la vostra scuola o la biblioteca- alcune "pillole" per mamma e papà:
Cominciate a leggere con vostro figlio prima che sappia leggere: guardando con lui le illustrazioni, raccontando la vicenda con parole vostre, lasciandogli tutto il tempo per esplorare le varie pagine.
Non smettete di leggere dopo che lui ha imparato, ma mantenete l'abitudine di fargli ascoltare ogni giorno (meglio ogni sera) qualche pagina; diciamo per una ventina di minuti. E mi raccomando: fatelo con entusiasmo o non servirà a niente!
Riparlate di ciò che avete letto, giocateci, fate entrare i personaggi incontrati nell'immaginario quotidiano e le espressioni lette nel lessico famigliare.
Assecondate i loro gusti. Non obbligateli mai a letture che secondo voi sono irrinunciabili! Lo so che esistono i "classici", ma lasciate che ci arrivino quando sono pronti, senza scandalizzarvi se quello che piaceva a voi a loro non piace proprio.
Regalate libri ai vostri bambini. Fornite loro materiale per costruire un ricco bagaglio fantastico, e perché i loro gusti si affinino e le loro capacità di scelta migliorino portateli in libreria, almeno qualche volta.
Portateli in biblioteca, fateli familiarizzare con questa "casa dei libri" e con la "sezione ragazzi" in particolare. Qui scopriranno, tra l'altro, di non essere i soli a coltivare la passione per le storie horror o per i dinosauri.

Quanto a lungo deve durare la "cura"? Beh, diciamo fino alla volta in cui vostro figlio, che avete appena chiamato a tavola, non vi risponderà: "Un momento che finisco il capitolo!". Oppure non vi risponderà affatto.


Roberto Pavanello

da "Noi genitori e figli"

.
.

.

lunedì 1 agosto 2011

ENERGIAINFINITA: BIKINI A PANNELLI SOLARI




BIKINI A PANNELLI SOLARI



Andrew Schneider, designer americano, ha messo a punto un Bikini tecnologico dotato di porta USB che permette di caricare player MP3, smartphone e cellulari.
Ma come funziona?


ENERGIAINFINITA: BIKINI A PANNELLI SOLARI: " BIKINI A PANNELLI SOLARI Andrew Schneider, designer americano, ha messo a punto un Bikini tecnologico dotato di porta USB che p..."

.
.

.

Elenco blog AMICI